ATTENTI ALLE FRODI ITTICHE

pesce-fresco-pesce-congelato-scegliere-preparare-ricette-pesci4
FRESCO E’ PIU’ BUONO
 
Il Capodanno ormai è alle porte e le nostre tavole saranno imbandite di prodotti ittici come vuole tradizione. La domanda, quindi nasce spontanea: “Come faremo a difenderci dalle frodi ittiche“?
Per ovviare a ciò, basterebbe attenersi alle seguenti regole.
Leggere sempre le etichette, scegliere un venditore di fiducia, saper riconoscere il pesce fresco e preferire il pesce di stagione.
L’etichetta indica la denominazione del pesce, il paese di origine, se è stato pescato o è di allevamento.
Il pesce fresco avrà un odore gradevole, l’occhio deve essere in fuori, la cornea trasparente e la pupilla nera, il corpo arcuato e rigido, le branchie rosee. Siccome anche i prodotti ittici sono stagionali, in questo periodo troveremo nasello, sardina, spigola e triglia.

Leggi tutto →ATTENTI ALLE FRODI ITTICHE

Falso olio extravergine, dopo Lidl multati gli oli Carapelli, Bertolli, Sasso e Coricelli

olio

L’azione dell’Antitrust contro il falso olio extravergine è continua e inesorabile: prima Lidl, multata per 500mila euro per avere venduto olio extra vergine con il marchio Primadonna che, secondo l’autorità e i risultati della prova organolettica, conteneva al contrario olio vergine di oliva. Falsificando “in misura apprezzabile il comportamento economico del consumatore in realazione al prodotto pubblicizzato dal professionista”.

Poi sono arrivate le multe per pratica commerciale scorretta anche a Carapelli, Bertolli e Sasso – tutti marchi del gruppo Deoleo – e Coricelli, rispettivamente per 300mila e 100mila euro.

Come attesta l’Antitrust è “ingannevole l’indicazione ‘olio extravergine di oliva’”, riportata sulle confezioni, in quanto questi oli sono risultati essere semplicemente “vergini”.

Leggi tutto →Falso olio extravergine, dopo Lidl multati gli oli Carapelli, Bertolli, Sasso e Coricelli

Latte, bene obbligo indicazione di origine in etichetta

milk bottle-wallpaper-1280x768

La proposta del governo di inserire nelle etichette dei prodotti lattiero-caseari l’obbligo di indicazione dell’origine degli ingredienti, nello specifico del Paese dove la materia prima é stata munta, dove é stata trasformata e dove é avvenuto il confezionamento è buona e va nella direzione di tutelare i consumatori, che possono così conoscere la provenienza di … Leggi tutto →

Semi di albicocca, rischio avvelenamento da cianuro

albicocche1

Secondo un parere dell’EFSA consumare più di tre semi piccoli di albicocca crudi, oppure meno di mezzo seme grande per volta può far superare i limiti di sicurezza e rischia di provocare un avvelenamento da cianuro. I bambini piccoli che consumino anche solo un piccolo seme di albicocca rischiano di superare il limite di sicurezza.

Nei semi di albicocca è presente infatti un composto di origine naturale, chiamato “amigdalina”, che si trasforma in cianuro una volta ingerito.

Leggi tutto →Semi di albicocca, rischio avvelenamento da cianuro

Le etichette a semaforo bocciate dal parlamento europeo, l’ADOC: “Buon primo passo, ora vengano abolite.”

Il Parlamento Europeo ha bocciato l’etichettatura a semaforo, invitando la Commissione a “riesaminare la base scientifica, l’utilità e la fattibilità del regolamento nonché eventualmente a eliminare il concetto di profili nutrizionali”: L’etichettatura a semaforo indicava le soglie tecniche di determinati nutrienti “critici” come grassi, grassi saturi, zuccheri, sale per 100 grammi di prodotto, ignorando completamente … Leggi tutto →

NUOVA ETICHETTATURA PRODOTTI

Da sabato 13 dicembre è entrata in vigore l’applicazione del regolamento comunitario 1169/2011 che uniforma l’etichettatura degli alimenti nei paesi Ue «affinché il consumatore riceva informazioni essenziali, leggibili e comprensibili per effettuare acquisti consapevoli» Dal 1 Aprile 2015 le etichette dovranno indicare anche il paese di provenienza della carne (abbattimento e allevamento), mentre dal 13 dicembre … Leggi tutto →

Pasqua sarà all’insegna del km-zero: un pranzo su tre con solo prodotti locali

Sarà una Pasqua “all’italiana”, caratterizzata da una presenza massiccia di prodotti “Made in Italy” sulle tavole delle famiglie italiane, secondo le stime dell’Adoc per la prossima festività. “Per Pasqua si registrerà un rialzo dei consumi di prodotti regionali e locali, a Km Zero, il 15% in più dello scorso anno, in nome del risparmio, della … Leggi tutto →

Condividi su
Adoc