Miele un rimedio naturale per la buona salute, ora a rischio

Miele un toccasana naturale per i malanni e per mantenersi un buona salute

Da sempre il miele è considerato un toccasana come rimedio naturale contro parecchi malanni:

  • Sedativo per combattere la tosse
  • Antiossidante naturale
  • Proprietà antibiotiche
  • Proprietà antinfiammatorie
  • Proprietà calmanti e antistress

Il miele deve far parte di ogni dieta sana ed equilibrata. Fin dalla prima colazione, al posto di marmellata e, soprattutto, di cioccolato. Il miele può essere sostitutivo dello zucchero, utile come dolcificante per camomilla, tè oppure infusi. Ottimo anche con cereali e yogurt, oppure per un veloce spuntino, miele e formaggio.

Insomma il miele ha davvero tante buone caratteristiche sia per palato sia per la salute.

 

Quanti tipi di miele ci sono?

Ecco i più comuni.

  • Miele di acacia . Proviene dalla zona Prealpina e dalla Toscana. Resta liquido a lungo. Colore chiaro, sapore delicato.
  • Miele di castagno . Prodotto su arco alpino e Appennini. Liquido, cristallizza lentamente. Colore scuro, sapore amarognolo.
  • Miele millefiori . Uno dei più venduti. Ottenuto da più piante: colore, sapore e consistenza possono variare in base all’origine.
  • Miele di agrumi . Prodotto al Sud. Cristallizza alcuni mesi dopo il raccolto. Colore molto chiaro, sapore intenso e fine.

 

Importante è la provenienza

L’origine geografica del prodotto è obbligatoria. Se il miele non è stato confezionato in Italia, è però sufficiente segnalare che si tratta di miele originario o non originario dell’Unione europea. In Italia la normativa è più restrittiva: se il miele è stato confezionato sul nostro territorio, l’origine del prodotto va specificata con il nome del Pese d’origine.

 

Come conservarlo

Sarebbe bene consumare il miele entro 18-24 mesi. Conservandolo ben chiuso, al fresco e all’asciutto, lontano dalle fonti di luce e calore: infatti il miele è molto sensibile alla luce e tende ad assorbire l’umidità dall’esterno.

Leggi  Vino made in Italy e Contraffazione

 

Danni al miele dovuti alle condizioni climatiche avverse

In questo periodo di miele se n’è parlato sempre di più, soprattutto per le difficoltà di produzione dovute alle condizioni meteorologiche avverse di questa prima parte dell’anno, molto prolungate al nord, e questi repentini cambi climatici recuenti gli eventi estremi, sono stati particolarmente dannosi per l’apicoltura.

Questo ha causato una diminuzione del prodotto finito che è diventato di difficile reperimento sugli scaffali dei supermercati, e ad un ovvio aumento dei prezzi.

Per non parlare poi dell’inquinamento che mette a repentaglio la vista stessa delle api che sono le produttrici principali di questo magico prodotto.

api da miele in pericolo, api a rischio inquinamento
Foto di PollyDot da Pixabay

adoc veneto, associazione in difesa dei consumatori

Speriamo che questo articolo vi sia stato d’aiuto creando maggiore consapevolezza in merito ai rischi informatici che corriamo ogni giorno, anche incosapevolmente. Ti ricordiamo  che AdocVeneto è al tuo fianco per comprendere i meccanismi delle cyber truffe, del commercio online, della finanzia e mettere al sicuro i tuoi risparmi!

Noi di AdocVeneto seguiremo con attenzione queste tematiche, cercando di tenervi sempre aggiornati!

Ricordate: l’informazione genuina è uno strumento indispensabile per difendere e far valere i nostri ed i vostri diritti di consumatori.

Se sei stato anche tu vittima di cyber truffa o qualche tipo di frode finanziaria, non esitare, contattaci!

Scrivi una mail o compila il form di contatto in calce all’articolo, siamo a tua disposizione per informarti ed aiutarti a difendere i tuoi diritti.

 

Leggi  Le etichette a semaforo bocciate dal parlamento europeo, l'ADOC: "Buon primo passo, ora vengano abolite."

Commenta l'articolo o scrivici compilando il form

Consulta la nostra Privacy Policy
Condividi su
Adoc