Gioco d’azzardo, accordo tra Stato e Regioni

Stato e Regioni hanno raggiunto l’accordo per dimezzare in tre anni il numero delle sale da gioco. Gli Enti locali dovranno decidere dove collocarle: la priorità è far rispettare la distanza minima delle sale a scuole e ospedali. Questo provvedimento ha suscitato reazioni differenti tra le associazioni che denunciano l’ipocrisia del provvedimento e i gestori che temono un rischio occupazionale con perdite stimate su 6 miliardi.

Slot machine

Lo scopo di tutto questo; spiega il sottosegretario all’Economia Pierpaolo Baretta, è tutelare la salute e la sicurezza pubblica ed il contrasto alla illegalità. Aumenta lo standard di qualità e si sicurezza dei punti gioco nei quali dovranno essere assicurati access selettivo, tramite l’identificazione con documento del giocatore, e la videosorveglianza.

Le associazioni criticano duramente questo provvedimento sostenendo che il Governo è più interessato al profitto delle concessionarie dell’azzardo e alle entrate erariali.

I gestori criticano a loro volta il provvedimento sostenendo che porterà all’espulsione del gioco lecito in Italia. Secondo i gestori, azione del Governo,  non raggiunge gli scopi prefissi, ovvero la tutela dell’ordine pubblico, degli investimenti industriali, di una corretta gestione del gioco legalizzato, la tutela della salute delle persone.

Leggi  Smart home
Condividi su
Adoc