Patente per la moto, l’esame cambia

Cambia la prova pratica per ottenere la patente A. Il nuovo esame per la patente A1, A2 e A (motocicli con cilindrata uguale o superiore a 125cc) prevede una prova teorica che resta uguale, con 40 quesiti e un massimo di 4 errori, mentre la prova pratica raddoppia con due circuiti nuovi. Successivamente si passa al tradizionale giro su strada.

Ciò che cambia sono i circuiti con i birilli. Il primo serve a verificare l’equilibrio del motociclista: è una prova lenta, composta da uno slalom tra i birilli e da un rettilineo. Per percorrerlo bisogno impiegarci almeno 15 secondi, dimostrando di saper restare in sella nonostante la bassa velocità, con una media di 30 km/h. poi si cambia circuito e ci si mette alla prova con quello veloce: il test è più lungo e articolato, deve durare al massimo 25 secondi e richiede de frenare in uno spazio limitato per evitare un ostacolo. Come può capitare con una buca, ad esempio. Tutto a 50 km orari, se si vuole restare sotto i 25 secondi.

Si tratta di conformarsi alla normativa europea.

Per la prova bisogna indossare il para-schiena, il casco integrale, ginocchiere e paragomiti.

L’esame per la patente A costa di media dai 200 ai 250 euro (spiega Paolo Colangeli, presidente di Confarca, la Confederazione autoscuole), il prezzo dipende dalla quantità di lezioni di guida si debbano fare.

Leggi  Seggiolini per auto: nuova normativa
Condividi su
Adoc